Post

Italia all’11° posto dei paesi più soggetti ad attacchi hacker, come reagire? - Di Ammiraglio Giuseppe De Giorgi

Immagine
Italia all’11° posto dei paesi più soggetti ad attacchi hacker, come reagire? - Di Ammiraglio Giuseppe De Giorgidi Ammiraglio Giuseppe de Giorgi
Quanti attacchi hacker vengono eseguiti ogni giorno in tutto il mondo, e di questi quanti indirizzati verso l’Italia, verso le nostre aziende o i nostri Ministeri? La russa Kaspersky, tra le più famose società di sicurezza informatica, ha rilasciato ...

Articolo completo Italia all’11° posto dei paesi più soggetti ad attacchi hacker, come reagire? - Di Ammiraglio Giuseppe De Giorgi

Non bastano allarmi e segnalazioni, il nostro mare è sempre più inquinato.

Immagine
Dopo essere rientrata in porto da un viaggio iniziato il 22 giugno dalla Liguria e terminato pochi giorni fa in Friuli Venezia Giulia la Goletta Verde di Legambiente ci riporta il bilancio annuale di salute dei nostri mari e delle nostre coste: critico il risultato di queste analisi con quasi l’8% delle acque italiane più inquinate rispetto allo scorso anno; il 48% dei campioni prelevati dai nostri mari risulta infatti “fortemente inquinato” (39%) ed “inquinato” (9%). Il nostro mare risulta quindi sempre meno pulito, nonostante allarmi, denunce e segnalazioni, riguardo alla situazione di peggioramento continua in cui versano da tempo le nostre acque.
Il monitoraggio di Goletta Verde prende in considerazione i punti a “maggior rischio” di inquinamento, individuati dalle segnalazioni dei circoli di Legambiente e dei cittadini attraverso il servizio SOS Goletta ed analizzati tramite parametri microbiologici (come Enterococchi intestinali ed Escherichia coli). Sono stati così considerati c…

Sicurezza marittima: la sorveglianza del futuro passa dai satelliti e dai big data.

Immagine
Sicurezza marittima: la sorveglianza del futuro passa dai satelliti e dai big data.di Ammiraglio Giuseppe de Giorgi
In tutto il mondo si stanno studiando sofisticati sistemi a pilotaggio remoto specializzati nel soccorso in mare ed anche il nostro Paese è in prima linea nello sviluppo di questi nuovi sistemi. Dopo le prime sperimentazioni, l’uso di questi droni si ...

Articolo completo Sicurezza marittima: la sorveglianza del futuro passa dai satelliti e dai big data.

Un mare da salvare: iniziative pubbliche e private contro l’inquinamento marino.

Immagine
Le recenti giornate internazionali dedicate all’Ambiente ed alla salvaguardia dell’ambiente marino hanno saputo portar all’attenzione dei cittadini e delle istituzioni uno dei più gravi problemi ecologici della nostra storia: i nostri mari stanno soffocando. Considerando, infatti, che ogni anno produciamo più di 300 milioni di tonnellate di plastica, e che di queste almeno 8 milioni finiscono in mare, entro il 2050, se non cambieremo stile di vita subito, ci ritroveremo in un mondo che avrà più plastica che pesci. L'uso globale della plastica è, infatti, aumentato di 20 volte negli ultimi 50 anni e si prevede che raddoppierà di nuovo nei prossimi 20 anni. In più, sempre a livello globale, solo il 14% della plastica viene raccolto per il riciclaggio. Si tratta di un tasso di riutilizzo di gran lunga inferiore ad altri materiali come la carta (58%), il ferro e l'acciaio (a quota 90%). Un'emergenza globale che riguarda ogni aspetto della nostra vita: la plastica è nell'a…

Accordo migranti, chi può ritenersi soddisfatto e cosa dice l’accordo UE?

Immagine
Accordo migranti, chi può ritenersi soddisfatto e cosa dice l’accordo UE?di Ammiraglio Giuseppe de Giorgi
I 28 leader hanno trovato un’intesa sulle conclusioni del Consiglio europeo, inclusa l’immigrazione, ha annunciato il 29 giugno su Twitter il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk al termine di una maratona notturna per la difficile trattativa ...

Articolo completo Accordo migranti, chi può ritenersi soddisfatto e cosa dice l’accordo UE?

Chiusura porti e diritto internazionale, cosa rischia l’Italia?

Immagine
Chiusura porti e diritto internazionale, cosa rischia l’Italia?di Ammiraglio Giuseppe de Giorgi
Mentre in America il Time, per parlare della crisi dei migranti esplosa negli Stati Uniti dopo la linea della tolleranza zero applicata dall’amministrazione Trump, dedica la copertina della sua prossima edizione all’iconica immagine della bimba...

Articolo completo Chiusura porti e diritto internazionale, cosa rischia l’Italia?

Addio a bicchieri e posate di plastica, Ue pronta allo stop.

Immagine
Potremmo presto dire addio a bicchieri e posate di plastica. La Commissione Europea sembra voler dare una sterzata alla produzione di rifiuti ed alla raccolta differenziata inserendo questa ed altre misure nella direttiva sulla riduzione dell'inquinamento da plastica. Non si tratta dell'unica novità radicale che potrebbe ben presto arrivare nel settore. Si mira anche a ridurre i recipienti usa e getta per alimenti, i produttori di imballaggi potrebbero essere ben presto costretti a pagare direttamente il costo dello smaltimento, negli imballaggi compariranno annunci sulla pericolosità dell'inquinamento da plastiche, i tappi dei contenitori di bevande rimarranno attaccati alla confezione per evitare vengano dispersi. Diventeranno sostanzialmente “illegali” tutta una serie di posate e piatti usa e getta in plastica, cotton fioc, cannucce, bastoncini dei palloncini gonfiabili, bastoncini per mescolare le bevande. Se le aziende che li producono vorranno continuare a realizzarli dovranno…